Quattordici anni senza Amalia

By Riccardo Iannello | Musica

Quattordici anni fa oggi, il 6 ottobre 1999, moriva a Lisbona Amalia Rodrigues. Dopo i funerali di Stato e il lutto nazionale, fu tumulata al Cemetrio das Prazeres, dal quale poi è stata traslata al Panteao Nacional de Santa Engraçia, dopo la sua tomba è meta di numerosi visitatori, fedelissimi, amanti della musica, turisti curiosi.

Una strana forma di morte quella di Amalia: è morta fisicamente, ma la sua vita, la sua storia, il suo peso enorme sul Portogallo non si possono esaurire così. E lei ha disegnato su di sé, e ciò resta ora nei mille ritratti che ornano le case di fado, il Museu, la sua abitazione di Sao Bento, ogni angolo della città, il suo sarcofago, un volto vero.
E nei riguardi di Amalia c’è una strana forma di pianto che non è fatta di lacrime, ma di foglie che cadono, anche quando non è autunno, e che sono rosse, non gialle.

Eppure la tua è una strana forma di essere cantante, così varia, con una voce che ha mille voci, che hai portato sulle tavole di ogni palco del mondo, osannata; e in ogni teatro, in ogni piazza, hai sempre detto che la vita va vissuta, e lo hai detto in tutte le lingue del mondo. E poi i tuoi occhi che mi inquadrano anche adesso che sembrano di marmo, ma sono reali, e mi dicono che bisogna vedere tutto, e non solo ciò e quello che ci piace. E l’amore, che è strano e che ha nelle canzoni sempre vita, anche quando non sono canzoni d’amore; e che arriva oltre ogni confine, e che si spezza solo quando si spezza il cuore.

E il peccato, quelal strana forma di peccato che non è tale, ma è vita vissuta. Vivere è il più grande peccato, se non sappiamo amare. E la soluzione può essere anche una “Lagrima”.

E questra strana chiesa che ora ti ospita, che è una non chiesa, un monumento, ma tu stessa sei monumento, tu stessa fai battere il cuore impazzito e gli eletti che sfilano nel Panteao ne sono fieri. E io così piccolo sotto il tuo cenotafio che respiro il profumo dei tanti fiori e rincorro il tuo canto beato. Sono passati quattordici anni, ma forse è esagerato voler pensare che questo tempo non è mai passato…

Più volte mi sono seduto sui gradini del sarcofago di Amalia, da solo o in compagnia del popolo di Lisbona. E ogni volta è una emozione pazzesca. La prima volta, quel 6 ottobre 2004, piansi a lungo. Tante volte ho raccontato qui di Amalia, di mille sfaccettature, anche del viaggio in taxi con Lelo, sua ultima “viola” nell’indimenticabile concerto del Coliseu dos Recreios, l’11 dicembre 1994, a completare l’anno di Lisbona capitale europea della cultura.

E ogni volta mi viene in mente di dire, e mi ripeto, ciò che tutte le cantanti di Lisbona sanno: nessun’altra Amalia nascerà. Grazie, divina, sei sempre nei nostri cuori.

Like this Article? Share it!

About The Author

Riccardo Iannello
Giornalista. Su Radio Pereira racconto storie di fado, storie di cantanti, chitarristi, locali, strade, amori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *