Quel Francesco che lascia perplessi

By Pereira | Coscienza civile, News

Chi non ammira Francesco? Chi non ha tirato un sospiro di sollievo e vissuto un momento di simpatia verso un Papa che invoca la categoria della vergogna di fronte alla strage di Lampedusa? Si, viene da dire con lui, dobbiamo vergognarci un po’ tutti.

Eppure ieri, davanti alle sue parole pronunciate ad Assisi mi sentivo distaccato, cosa mi era successo? Perché Papa Francesco mi sembrava improvvisamente un po’ fasullo? Piano piano ho capito che le parole sui bambini che non devono essere lasciati a morire di fame (ovvio e sacrosanto) mi facevano pensare ad altri bambini. Per Francesco e per la chiesa vaticana ci sono, ho pensato, bambini di serie A, quelli che muoiono di fame, e altri di serie B. I bambini che muoiono di fame hanno la pietà del Papa, quelli abusati dai preti pedofili invece possono attendere e continuare ad essere abusati. E i preti criminali possono continuare a rifugiarsi dietro lo scudo della chiesa e del suo Papa che non li denuncia per assicurarli alla giustizia come pedofili comuni ma consente loro di cambiare diocesi così da poter violare altri bambini, altre esistenze di serie B.
E così si rinnova quel fastidio di sempre, sopito per un po’ dalla svolta di Francesco, nel sentir riecheggiare la voce di una chiesa che pretende di dire agli altri cosa è giusto e cosa è sbagliato, e addirittura di imporre i suoi dogmi anche ai non credenti (vedi aborto ecc.) incrinarsi sotto la spinta di una palese, umana contraddizione. Niente di divino.
Forza Francesco, hai ancora molto da fare.
Non sto perdendo le speranze in Francesco, anzi confido in nuovi disvelamenti e ammissioni di responsabilità od omissioni. Chissà, forse il Papa domani farà un discorso in cui dirà: “Penso con dolore alle anime di quelle persone morte al largo di un paese così incattivito e vigliacco da votare una legge in cui i soccorritori di una di quelle persone in mare verranno inquisiti per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Quella legge l’abbiamo votata noi cattolici, noi ciellini, noi credenti con il beneficio di escort e vacanza alle Antille pagata a nostra insaputa, sostenendo un governo Berlusconi in alleanza con il partito più xenofobo e nazista d’Europa, la Lega di Bossi.”

Segue Atto di Dolore.

Pereira

Like this Article? Share it!

About The Author

Pereira
Della prima parte della mia vita, molti di voi già sapranno grazie ad Antonio Tabucchi, della seconda invece pochi sanno. Per carità, non che ci sia molto da dire ma visto che i ragazzi della redazione insistono... Venni qui dopo un lungo peregrinare da un paese all’altro, fuggendo da quel paese senza libertà che era diventato il mio paese, il Portogallo, negli anni ‘30. Arrivai subito dopo la guerra e mi trovai così bene da decidere di rimanere. La gente allora era accogliente, nel paese si respirava – grazie al clima di dopoguerra – una voglia straordinaria di fare, di ricostruire e anche io diedi il contributo. Oggi si direbbe che lo diedi da “straniero”, da “migrante”. Ma ero poi così straniero, cioè “estraneo” a questo paese? forse no, visto che sono ancora qui e considero questo paese come l’altra mia patria. Vedi anche questo post

One Response to Quel Francesco che lascia perplessi

  1. Stefano Martin says:

    papa con la minuscola, almeno da Manzoni in poi; Chiesa con la maiuscola, solo come stratagemma tecnico per distinguerla dalla chiesa edificio.
    Tanto per rassicurarmi sul fatto che anch’io pretendo di dire agli altri cos’è giusto e cos’è sbagliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *