L’occasione e la sconfitta

By Pereira | News, Politica

Quando Debora Serracchiani vinse le elezioni regionali in Friuli, dissi ad un mio caro amico grillista che un risultato del genere, nel momento più basso della storia del Pd/Ds/Pci con il Bersani in pieno marasma, doveva far riflettere Grillo e i suoi, forse stavano sbagliando qualcosa. Mi rispose che si trattava solo di un voto locale, senza conseguenze e riflessi nazionali.

Nel caso delle recenti elezioni comunali il M5S ha fatto molto peggio del Friuli e Grillo non riesce a trovare motivi di autocritica. Godetevi questo se non ci credete.

Sembra sempre più abbarbicato al delirio di ottenere il 100% dei voti senza il minimo dubbio di aver sbagliato un match point qualche mese fa, l’occasione – forse irripetibile – di fare da cane da guardia ad un governo costretto a fare le leggi che interessavano il movimento e tanti italiani. Invece lui è andato a testa bassa, partecipando attivamente e perversamente a mettere Pd e Pdl l’uno nelle braccia dell’altro. Pensava di lucrare voti, invece li ha persi, deludendo un sacco di italiani. Pensate che fino a due giorni fa tutti dicevano che Grillo era uno che raccoglieva il voto di quelli che altrimenti non sarebbero andati a votare.
Meno male.

P.s.
Non sarebbe meglio se facesse guidare il movimento da uno a turno dei suoi parlamentari?
Non era lui che voleva la rotazione degli incarichi?

Pereira

Like this Article? Share it!

About The Author

Pereira
Della prima parte della mia vita, molti di voi già sapranno grazie ad Antonio Tabucchi, della seconda invece pochi sanno. Per carità, non che ci sia molto da dire ma visto che i ragazzi della redazione insistono... Venni qui dopo un lungo peregrinare da un paese all’altro, fuggendo da quel paese senza libertà che era diventato il mio paese, il Portogallo, negli anni ‘30. Arrivai subito dopo la guerra e mi trovai così bene da decidere di rimanere. La gente allora era accogliente, nel paese si respirava – grazie al clima di dopoguerra – una voglia straordinaria di fare, di ricostruire e anche io diedi il contributo. Oggi si direbbe che lo diedi da “straniero”, da “migrante”. Ma ero poi così straniero, cioè “estraneo” a questo paese? forse no, visto che sono ancora qui e considero questo paese come l’altra mia patria. Vedi anche questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *