Il tradimento e la responsabilità

By Pereira | Politica

Grasso e Boldrini presidenti delle camere.

Ora tutti a parlare di vittoria politica di Bersani. Ci andrei piano, parlerei di vittoria solo se riuscisse nei prossimi mesi a portare a casa una buona parte degli otto punti di cui ha parlato.
Intanto, riguardo alle elezioni di Presidenti di Camera e Senato parlerei di occasione persa dal Pd. Eleggere un M5S in una delle due poltrone avrebbe reso molto più praticabile la strada di Bersani. Ormai la frittata è fatta.

Per carità, uscendo dal tema delle occasioni tattiche e strategiche perdute dal Pd, per il Paese si tratta di una frittata squisita, cucinata esclusivamente per merito del cuoco-ombra Grillo. Quando mai il Pd avrebbe eletto due figure di quel profilo di sua sponte e per proprie risorse?
Senza Grillo avremmo avuto Franceschini e Finocchiaro, e avremmo pure dovuto ringraziare (è una battuta).
Invece ieri dopo uno strepitoso e toccante discorso alla Camera, Boldrini è andata in via Fani a Roma a rendere omaggio ai caduti del rapimento Moro. A piedi. Senza scorta. La Finocchiaro non era capace neanche di andare a fare la spesa, senza la scorta. E ripeto, questo non lo dobbiamo a Bersani ma a Grillo.

Detto questo, osservo che cominciano i primi casi di eletti M5S che iniziano a pensare con la loro testa e senso di responsabilità. Tanto di cappello, anche per le dichiarazioni in Tv degli eletti siciliani a proposito del ballottaggio Schifani-Grasso, che in un paese normale non si sarebbe neppure mai verificato. Ebbene, Grillo li ha chiamati traditori. A me sembra che siano stati gli altri senatori grillisti a tradire. Tradire i loro elettori. E forse i disubbidienti hanno fatto un gran favore al M5S in vista di prossime elezioni, pensate se si fossero presentati come quelli che avevano favorito l’elezione di Schifani a Presidente del Senato…

Penso che ci saranno altri casi di coscienza intorno a leggi importanti per il Paese e di nuovo assisteremo ad un duello fra il narcisismo nichilista di Grillo e il vitale godimento di semplici cittadini che si troveranno in mano l’occasione di cambiare leggi porcata e di approvarne di degne con semplice gesto della mano. A Grillo non piacerà, ma lui dovremo ringraziare, se succederà.

This is my land

Pereira

Like this Article? Share it!

About The Author

Pereira
Della prima parte della mia vita, molti di voi già sapranno grazie ad Antonio Tabucchi, della seconda invece pochi sanno. Per carità, non che ci sia molto da dire ma visto che i ragazzi della redazione insistono... Venni qui dopo un lungo peregrinare da un paese all’altro, fuggendo da quel paese senza libertà che era diventato il mio paese, il Portogallo, negli anni ‘30. Arrivai subito dopo la guerra e mi trovai così bene da decidere di rimanere. La gente allora era accogliente, nel paese si respirava – grazie al clima di dopoguerra – una voglia straordinaria di fare, di ricostruire e anche io diedi il contributo. Oggi si direbbe che lo diedi da “straniero”, da “migrante”. Ma ero poi così straniero, cioè “estraneo” a questo paese? forse no, visto che sono ancora qui e considero questo paese come l’altra mia patria. Vedi anche questo post

One Response to Il tradimento e la responsabilità

  1. Gaioing says:

    @Pereira

    Consiglio di consultare questo link:

    http://www.tzetze.it/2013/03/le-prime-proposte-di-legge-del-nuovo-parlamento.html

    Ci sono le prime 550 proposte di legge del nuovo, si fa per dire, Parlamento…
    Si va dalla proposta di istiture il “Principato di Salerno” ( non sto scherzando), alla richiesta di un contributo per il Teatro Comunale di Bologna (se ne dovrebbe occupare il Comune).. e addirittura alla proposta di Scilipoti che chiede la potestà dello Stato Italiano a battere moneta (ovvero a uscire dall’euro…ma con chi è stato eletto Scilipoti?)… e altre amenità del genere quando lo Stato è prossimo al fallimento e tanta gente è disperata.
    Ebbene…costoro non hanno ancora capito quello che è accaduto e i 12-15 transfughi di M5S che hanno dimostrato responsabilità votando Grasso devono aver capito che sbaglio hanno commesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *