Noi e Casa Pound abbiamo idee più o meno uguali

By Pereira | Politica

tsunami-tour

Qualche sera fa a cena uno stimato professionista politicamente moderato si sbilanciava a favore di Grillo dopo aver assistito ad un suo comizio in una città di provincia (6.000 presenti in una città di 90.000, una cosa enorme).
Lo stesso professionista parlava dell’inciucio con i fascisti di Casa Pound come di un trabocchetto mostrando un’evidente pregiudizio favorevole che gli impediva ogni critica.

Ora faccio giudicare a voi e allo stimato professionista se si sia trattato di una trappola o come a me sembra, dell’ennesima spregiudicata leccata di Grillo all’elettorato di destra.
La frase che mi ha ghiacciato il sangue è: “Abbiamo idee più o meno uguali”.

Quello che non capisco è come il grosso dei suoi sostenitori, che è di radice antifascista, possa gridare – e peggio ancora votare – al fianco di gente che prepara con scrupolo attentati a ragazze ebree nel 2013.

NAPOLI ARRESTI CASA POUND DALLE INTERCETTAZIONI VOLEVANO VIOLENTARE UNA RAGAZZA EBREA FOTO VIDEO

Like this Article? Share it!

About The Author

Pereira
Della prima parte della mia vita, molti di voi già sapranno grazie ad Antonio Tabucchi, della seconda invece pochi sanno. Per carità, non che ci sia molto da dire ma visto che i ragazzi della redazione insistono... Venni qui dopo un lungo peregrinare da un paese all’altro, fuggendo da quel paese senza libertà che era diventato il mio paese, il Portogallo, negli anni ‘30. Arrivai subito dopo la guerra e mi trovai così bene da decidere di rimanere. La gente allora era accogliente, nel paese si respirava – grazie al clima di dopoguerra – una voglia straordinaria di fare, di ricostruire e anche io diedi il contributo. Oggi si direbbe che lo diedi da “straniero”, da “migrante”. Ma ero poi così straniero, cioè “estraneo” a questo paese? forse no, visto che sono ancora qui e considero questo paese come l’altra mia patria. Vedi anche questo post

11 Responses to Noi e Casa Pound abbiamo idee più o meno uguali

  1. Vanny Rosso says:

    A proposito di Video tagliati e riadattati per la propria linea editoriale, guardatevi questo:

    Che lo tsunami sia noi.

  2. Mirko Ballerini says:

    Gentile Pereira,
    mi piacerebbe sapere dove ha sentito la frase “abbiamo idee più o meno uguali”!! Dice altro e con significato ben diverso. E’ rimasto ghiacciato per una frase che non ha detto. Lei ha messo nel titolo a caratteri cubitali una falsificazione bella e buona.
    Inoltre il video da lei postato è quello furbescamente montato da casa pound, la rete fornisce anche quello integrale. Se lo guardi con attenzione, e se riesce a non sentire le frasi che non dice, vedrà che non c’è assolutanete nessuna apertura a casa pound, anzi il contrario.

  3. Alessandro says:

    E no cari Vanny Rosso (rosso è il cognome o la fede politica), la frase c’è eccome, riguardati il video. Le testuali parole di Grillo al delegato di Casa Pound sono “avete delle idee condivisibili”, e l’amabile chiaccherata si conclude con la frase “sembri un delegato del movimento 5 stelle.
    Quindi poche balle.
    Quanto all’intervista al sindaco di Parma, vorrei sapere cosa è stato travisato.
    Siete patetici quasi più di Berlusconi, in questi vostri piagnistei.

  4. Pereira Pereira says:

    @ Vanny Rosso
    Grazie, è bene usare Radio Pereira per divulgare versioni originali di interviste ecc in modo che ognuno si possa fare la sua idea. Questo video dovrebbe essere la prova lampante che non siamo pregiudizialmente contro la “verità” nè tantomeno contro Grillo. Temiamo che ci siano molti che invece siano pregiudizialmente a favore di Grillo senza la necessaria capacità di critica. Viva la possibilità di farsi la propria idea.

  5. Pereira Pereira says:

    @ Alessandro
    Io non avrei usato le sue parole, sarei stato più morbido ma la sostanza è quella, chi ha orecchie per ascoltare… Del resto non c’è peggior sordo di chi non vuol trovarsi in conflitto con la propria coscienza e quindi fa finta di niente o peggio grida al complotto sempre e in ogni caso, invece di distinguere. Che costa più fatica.

  6. Pereira Pereira says:

    @ Mirko Ballerini
    – per quanto riguarda la frase meglio riascoltare, dall’inizio alla fine, la prego.
    – se abbiamo usato una versione tendenziosa la invito ad approfittare della libertà e dell’ospitalità di Radio Pereira e pubblicare lei stesso la versione non manipolata. Noi non abbiamo l’abitudine di censurare e tantomeno di impedire a persone di postare o esprimersi in pubblico. Sembra invece che il suo capo ami questa pratica (citofonare Salsi).
    – per quanto riguarda le “aperture a Casa Pound” nel Grillo-pensiero c’è molto di più della generica frase di vicinanza. In questo sito abbiamo ripetutamente ricordato le fascistissime posizioni di Grillo sulla negazione del diritto di cittadinanza ai figli di immigrati nati in Italia http://www.radiopereira.it/2012/03/grillo-e-fascista.html In Europa sono solo Grillo e i gruppi neofascisti e leghisti ad avere queste posizioni. Peccato che lei, sig. Ballerini, che si è così valorosamente battuto per le unioni civili (e quindi sembrerebbe sensibile al tema dei diritti) dal suo scranno di Consigliere Comunale 5 Stelle non abbia trovato il tempo di dirci cosa pensa delle posizioni xenofobe del suo conducator. Forse per evitare uno dei classici Post scriptum epurativi?
    – infine, sommessamente, un consiglio. So che lei e Grillo volete spazzare via tutto della politica attuale ma io la inviterei a vedere se per caso non ci sia perfino qualcosa da salvare. Fra queste ci trovo l’abitudine sana – per i politici eletti come lei – di firmarsi con la propria qualifica quando intervengano in dibattiti pubblici. Si chiama trasparenza, mica vorrà scivolare su una cosa così banale? 😉

  7. Alessandro says:

    Non mi sembra di aver usato parole così forti, sicuramente nulla in confronto a quelle che usano i grillini contro chiunque non sia stato abbagliato dalla luce del loro grande capo.
    C’è una tendenza che trovo davvero insopportabile in costoro, di pretendere d’accusare di fare disinformazione chiunque faccia anche la più blanda critica, si sentono i nuovi carbonari d’Italia quando invece in moltissimi casi non hanno la più pallida idea delle castronerie che dicono. Esempio pratico: proprio ieri leggevo della proposta del reddito di cittadinanza: € 1000 al mese per 36 mesi a chiunque non abbia un lavoro. Considerando che molti lavorano più o meno per quella cifra, avremo una decina di milioni di persone che starebbero a casa a cuccarsi i soldi e fare magari qualche lavoretto in nero, oltre ai disoccupati veri, i soldi ovviamente ce li facciamo dare (in euro) dalla Merkel tanto poi non onoriamo il debito, altra nobile proposta di questo fine economista.
    Ma possibile che per tirarci fuori dal berlusconismo si debba passare da questa melma ?

  8. Pereira Pereira says:

    @ Alessandro
    Ha ragione a protestare, ma mi è venuta un’improvvisa voglia di mostrare ai grillini modalità civili, pacate, chissà magari ci riflettono su. A proposito di grilllini, sto rivedendo al rialzo la mia previsione elettorale: passo dal 20 al 25% e forse di più. Lo voteranno elettori delusi di tutti i partiti… di destra, di centro e di sinistra. Anzi voteranno lui ma in Parlamento andranno persone le cui qualità saranno tutte da verificare… ma tanto pigeranno tutti il tasto che vorrà il capo. 100 yes men. Non mi sembra una gran rivoluzione. E neanche una novità. Speriamo che almeno non rubino come promesso. Vedremo.

  9. Mirko Ballerini says:

    Caro Pereira,
    chi da del fascista a Grillo o non sa cosa è stato il fascismo o lo fa in modo strumentale. Ma non sono intervenuto su questa pagine per difendere Grillo, non serve, sono intervenuto per evidenziare e la ribadisco, una sua grave scorrettezza nel cambiare le parole. Come diceva Nanni Moretti, le parole sono importanti. E siccome ritengo che lei le sappia usare bene, non credo sia stata una svista.
    Dire noi e casa pound abbiamo più o meno le stesse idee è molto ma molto diverso dal dire casa pound ha idee condivisibili. Non faccia il furbo.
    Per esempio casa pound al primo punto del loro programma hanno la lotta al signoraggio bancario e il ripristino della sovranità monetaria. Io lo condivido in pieno, ma hanno tante altre idee molto ma molto meno condivisibili.
    Caro Pereira, stia tranquillo non c’è nessuna apertura a quel movimento neonazista, e di fascisti da noi non c’è neppure l’ombra.
    E anche sulla questione Jus sori, linki direttamente l’intero intervento sul blog di Grillo e non l’articolo di repubblica, a proposito di trasparenza e correttezza.

  10. Pereira Pereira says:

    @ Mirko Ballerini
    La sua citazione morettiana le fa onore: “Le parole sono importanti”, giusto, allora chiamiamolo “jus soli” perché “jus sori” come lo chiama lei potrebbe generare in qualcuno qualche preteso diritto sulla sorella di qualcun’altro e chissà dove finiremmo…
    Ho seguito il suo consiglio e ho cercato sul blog di Grillo. È saltato fuori un post di un ex magistrato di profilo discutibile che ottiene la benedizione di Grillo prefigurando orde di donne extracomunitarie che verrebbero a partorire in Italia con l’esplicito progetto di impoverire la razza italiana delle sue note ricchezze a favore degli ignavi pargoli. Il momento più comico del testo – giustamente, trattandosi di un magistrato sostenuto da un comico – è quando si dice che una legge in materia non si potrebbe fare perché altre sono le priorità. Dò un’idea gratis ai due comici, se non si fossero fascisti e razzisti alla guida, con 100 parlamentari in canna, in 5 minuti si potrebbe scrivere una legge che consenta diritto di cittadinanza a tutti i figli di stranieri con permesso di soggiorno da almeno x anni. Ma bisognerebbe vederlo come un diritto umano. Lei, signor Ballerini, e il suo capo questa capacità forse non l’avete.
    Sempre a proposito delle parole importanti mi sorprende che un politico a 5 stelle abbia la pretesa di dare lezioni di stile dopo la dose quotidiana di smargiassate verbali con cui il comico irrora il firmamento web e – da settimane – anche quello televisivo. Ma lei lo ha mai sentito parlare Grillo?
    In attesa di confrontarmi con lei e con i selezionatissimi parlamentari a 5 stelle in arrivo nelle nostre città sui più vari argomenti, le porgo il più sincero augurio di vittoria elettorale.

  11. Mirko Ballerini says:

    Caro Pereira,
    grazie per la solita lezioncina da maestrino, ne farò tesoro. Comunque impari a cercare meglio nel web o si faccia aiutare, visto che evidentemente, come ha involontariamente ammesso, cita frasi estrapolate da un contesto senza averlo neanche letto, il contesto. Complimenti!
    Vede Pereira, ripeto il concetto, non sono qui a difendere Grillo, non mi interessa. Sono intervenuto per invitarla ad essere più corretto nei suoi “articoli”. Le critiche sono sacrosante anzi auspicabili, ma un minimo di onestà intellettuale!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *