Problemi di regno

By Riccardo Iannello | Musica, Politica

Ogni lunedì leggiamo, analizziamo, commentiamo i fatti di cronaca e i grandi temi dell’attualità politica e sociale con un “editoriale”, o meglio una “distorsione”, facendo parlare una canzone, un autore o un album.

Di per sé potrebbero non sembrare cose interessanti o determinanti in un panorama che è ogni giorno più serio e più grave di quello che noi stessi possiamo pensare e soprattutto di quello che i governanti spesso ci fanno credere. E così, se la notizia arrivata come un macigno che a fronte di una inflazione sul tre e mezzo per cento gli stipendi italiani crescono solo poco più dell’1, con una perdita del potere d’acquisto massacrante, è comunque importante capire quel che succede anche all’estero, in Paesi che sono nostri amici e alleati in Europa e che vivono situazioni strane e non sempre leggibili. Parlo di Spagna e Gran Bretagna, uniti dall’essere monarchie costituzionali nelle quali i loro monarchi devono non governare, ma assicurare il decoro e l’onorabilità della nazione.  Sia a Madrid sia a Londra le cadute di stile si sono moltiplicate, e non solo perché Juan Carlos di Borbone, voluto da Franco e poi capace di sedare il colpo di Stato del colonnello Tejero con le truppe pronte  per conquistare la capitale e che si sono fermate “perché il re ci ha chiesto di non farlo e mantenere il governo civile”, si è ritrovato vecchio e un po’ malandato, ma senza perdere la sua fama di donnaiolo impenitente e andandosene a caccia in Sudafrica in un momento di grave crisi del Paese – in più pagato da un miliardario orientale e accompagnato da una principessa tedesca quarantenne – mettendo a repentaglio a livello popolare il suo trono; ma soprattutto perché stanno venendo fuori le malversazioni di un suo genero e cominciano a  essere chiamati a testimoniare anche membri della sua famiglia. Poteva non sapere, il re, che il marcio stava penetrando a Madrid (e non solo in Danimarca, come recita Amleto)? Certo, i problemi del governo Rajoy sono ben più seri delle presunte malefatte del Borbone, ma la Spagna non ci fa comunque una bella figura.

E neppure la corona britannica vive un periodo fantastico. Ci si doveva mettere anche Pippa Middleton, parvenue della famiglia reale come ingombrante sorella della novella Diana, a fare impazzire i paparazzi proprio nella città della morte di Lady D. E ci voleva questa strisciante attività di Elisabetta che mostra ogni giorno di più di preferire William a Carlo come futuro regnante, senz’altro più presentabile del padre per un rinnovamento della monarchia e soprattutto un avvicinamento alle istanze dei giovani. Il regno britannico, così ancora espanso nel mondo, deve poi fare i conti con un governo che annaspa in Europa e annaspa anche in casa propria: gli ultimi sondaggi danno il premier conservatore Cameron nettamente sotto rispetto ai laburisti. Toccherà ancora una volta a Elisabetta mediare per il bene del suo Paese.

Spagna e Gran Bretagna ci fanno un poco dimenticare i mali di casa nostra, ma è una magra consolazione: tutta l’Europa va male e davvero rischiamo di non sapere più a che santo votarci. Dentro e fuori di noi.

 

Per consolarci un campione, almeno la musica ci tira su: Caetano Veloso e “Cuccuruccucu Paloma”, dedicato a chi sa attendere il proprio turno nella vita.

Riccardo Iannelo

Il prossimo appuntamento con Distorsioni sarà lunedì  30 aprile

Like this Article? Share it!

About The Author

Riccardo Iannello
Giornalista. Su Radio Pereira racconto storie di fado, storie di cantanti, chitarristi, locali, strade, amori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *