Vasco malato: ha la berlusconite

By Pereira | Coscienza civile, News

Vasco Rossi in direttaIn questi giorni ha fatto rumore la discutibile presa di posizione di Vasco Rossi nei confronti di un sito satirico, Nonciclopedia.

Di fronte ad una così deludente alzata d’ingegno (dai Vasco, dà la colpa agli avvocati ed escine in fretta!) si rimane senza parole.
Il boss della vita spericolata, della critica un po’ qualunquista (ma sempre critica è) al vivere borghese, il comunicatore che parla alle masse con un’aura quasi messianica, prende iniziative legali (c’è una cosa più borghese di una “iniziativa legale”?) contro un sito di satira?

Forse la fama, l’ingigantimento dell’Io determinato dalla sovraesposizione mediatica e l’amore sproporzionato dei fan gli hanno fatto perdere il senso della realtà avvicinandolo all’inarrivabile Silvio.
Cosa fai Vasco, tifi per la legge ammazza blog adesso?

Ti suggerisco, con un moderato affetto, una terapia in 18 secondi:

… Da assumere tre volte al giorno per una settimana, se il sintomo persiste, raddoppia la dose.

p.s.
in serata si diffonde la notizia che sia stata ritirata la querela (bravo!) ma la sostanza dell’invito alla terapia rimane valida.

Dott. Pereira

Like this Article? Share it!

About The Author

Pereira
Della prima parte della mia vita, molti di voi già sapranno grazie ad Antonio Tabucchi, della seconda invece pochi sanno. Per carità, non che ci sia molto da dire ma visto che i ragazzi della redazione insistono... Venni qui dopo un lungo peregrinare da un paese all’altro, fuggendo da quel paese senza libertà che era diventato il mio paese, il Portogallo, negli anni ‘30. Arrivai subito dopo la guerra e mi trovai così bene da decidere di rimanere. La gente allora era accogliente, nel paese si respirava – grazie al clima di dopoguerra – una voglia straordinaria di fare, di ricostruire e anche io diedi il contributo. Oggi si direbbe che lo diedi da “straniero”, da “migrante”. Ma ero poi così straniero, cioè “estraneo” a questo paese? forse no, visto che sono ancora qui e considero questo paese come l’altra mia patria. Vedi anche questo post

3 Responses to Vasco malato: ha la berlusconite

  1. Filippo says:

    Sono pienamente d’accordo con te su tutto.
    Ma non su una cosa.
    Se è vero che sei un dott. dovresti sapere che la principale causa di morte delle persone è la sentenza di morte. (esempio se ad una persona viene detto ha xx di vita, quella persona avra xx tempo di vita veramente non perché la malattia è cattiva, ma per la sentenza. ci sono dei medici, oggi, che hanno provato, con pazienti simili, a dire ad uno hai xx tempo di vita metti a posto le tue cose. All’altro, con stesso patologia niente, solo cura. I risultati sono sorprendenti. La differenza è andata da 2 mesi in un caso a 13 anni in un altro. Perciò vacci piano.

  2. Pereira Pereira says:

    @ Filippo
    – non sono un medico, solo un ex curatore del supplemento culturale di un piccolo giornale portoghese. In pensione. Il Dott nella firma era scherzoso…
    – forse non sono stato chiaro (per quanto mi sembrava che il genio di Troisi fosse eloquentissimo nella sua ironia) e mi spiace. Intendevo dire che un po’ di ironia farebbe molto bene a Vasco nella gestione della sua immagine pubblica e in quella dei suoi avvocati.

  3. Filippo says:

    caro pereira, la mia intenzione non era di critica ne tanto meno di prendersi poco sul serio. io sono arrivato a scherzare su cose, come le ho scritto impensabili.

    sicuramente ho preso in modo personale una faccenda/faccende che mi occupano da vicino. il potere del NOcebo è purtroppo, molto più forte del Placebo. è quando una persona che ha un autorità (spesso un camice bianco…) “regala” sentenze a persone ignare del vero significato della malattia, le spingo loro stesse alle morte.
    ho visto persone morire perché avevano paura di morire. perché gli era stato detto. non perché quel sintomo era cattivo. la malattia non è ne buona ne cattiva. è li, come programma biologico sensato embrionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *