Emiliano Jatosti, scatti dalla Zona Rossa de L’Aquila

By Redazione | Fotografia, News

Si è inaugurata ieri a Palazzo Valentini, con il sostegno della Provincia di Roma, la mostra fotografica “L’Aquila la città fantasma, viaggio silenzioso attraverso la zona rossa” di Emiliano Jatosti, prima vera e devastante testimonianza foto-giornalistica apparsa sui quotidiani italiani.

L’esposizione si concluderà il 30 giugno e si potrà visitare, con ingresso gratuito, dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 19:00, e sabato dalle 10:00 alle 13:00.

Il fotoreportage, realizzato con la collaborazione del corpo dei Vigili del Fuoco, è stato il primo sguardo sulle terribili condizioni in cui si trovava il centro storico de L’Aquila, quasi completamente annientato dal terribile terremoto dell’aprile 2009, e subito interdetto anche agli stessi abitanti della città.
Gli scatti pubblicati sulle pagine di quotidiani come La Repubblica e L’Unità, oltre che sul sito d’informazione Peace Reporter, furono i primi a rompere il silenzio che contrassegnava le attività di ricostruzione della storica città abruzzese.

La mostra rappresenta anche il debutto del giovane artista romano, Emiliano Jatosti, che nella presentazione del suo lavoro esprime un augurio che è anche un appello: “spero che veniate in milioni, che siate ancor di più per un passaparola che ha un valore enorme, per me certo, ma specialmente per un tema così ancora talmente attuale da sembrare insopportabilmente anacronistico il fatto che non si sia ancora superato.” Radio Pereira – che più volte ha proposto contributi su L’Aquila, e che è stata e sarà sempre vicina al popolo aquilano, ed abruzzese – ha prontamente raccolto l’invito del giovane Jatosti, pubblicandone le foto in questo post, ed offrendo la sua collaborazione.

Like this Article? Share it!

About The Author

One Response to Emiliano Jatosti, scatti dalla Zona Rossa de L’Aquila

  1. Emiliano Jatosti says:

    grazie ragazzi, siete stati meravigliosi 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *