Local Natives, Airplanes

By Stefano Fiorelli | Musica

La Beat Generation ha lasciato molte tracce nella cultura del ‘900 e se cerchiamo (anche non bene) all’interno di quello che nel 2011 può essere considerato materiale originale e fresco, come nel caso dei Local Natives, ne troviamo riferimenti e citazioni continue. Il concetto di ribellione negli anni ’60 aveva raggiunto un significato trasversale, infiltrandosi nello stile di vita della gioventù americana fino a condizionarne l’esistenza.

Musica, letteratura, cinema e arti visive in genere. Ecco, i Local Natives mi fanno pensare a Ferlinghetti, a Corso e al Cassady di My First Third, musica per le orecchie e per l’animo. Nei Local Natives, che non a caso sono di Los Angeles, c’è la ribellione delicata ed intellettuale della fine degli anni ’50, il tema del viaggio, l’amore effimero e la sbronza facile.
Se vi piacciono avete un album da procurarvi, Gorilla Manor, uscito per la Frenchkiss nel 2009.

Like this Article? Share it!

About The Author

One Response to Local Natives, Airplanes

  1. carborattore says:

    ottimo! credo che questo tipo di artisti debbano essere portati alle masse da mtv, ma guarda caso non succede mai. solo lady gaga e via dicendo. ma ci stiamo rincoglionendo del tutto?
    fortuna gli ascolti distratti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *