Per i cattolici, votare per B, è peccato?

By Pereira | News, Politica

Il dato più sorprendente dei sondaggi di questo periodo è la sostanziale (e determinante, in caso di elezioni) tenuta del voto cattolico come componente del consenso verso B.

Votare Berlusconi è peccato?Nella mia ingenuità considero questo dato – come detto – sorprendente. Infatti, come è possibile per i cattolici sempre attenti ai valori legati alla famiglia votare per una persona così corrotta nei costumi, al di là dei fatti penalmente rilevanti? Lo possiamo considerare un buon padre di famiglia con quello che fa alle figlie minori degli altri? Difficile. Un buon marito? Con le foto dei provini della seconda moglie, nuda – risalenti a 25 anni fa – usciti ai tempi della lettera a “Repubblica” sulla prima pagina di uno dei suoi giornali-killer ? Impossibile. Eppure succede. Molti cattolici, dicono tutti i sondaggi, continuerebbero a votarlo oggi in caso di elezioni.

Per non dire delle gerarchie ecclesiastiche che tolti gli imbarazzi recenti e più che tardivi non hanno esitato – e sotto sotto continuano a farlo – ad avere con B. un lungo e mai riluttante amplesso fatto di scambi di favori economici contro elettorali. Insomma, la specialità di B.
E forse anche della Chiesa di Roma.

Misteri della fede.

Pereira

Like this Article? Share it!

About The Author

Pereira
Della prima parte della mia vita, molti di voi già sapranno grazie ad Antonio Tabucchi, della seconda invece pochi sanno. Per carità, non che ci sia molto da dire ma visto che i ragazzi della redazione insistono... Venni qui dopo un lungo peregrinare da un paese all’altro, fuggendo da quel paese senza libertà che era diventato il mio paese, il Portogallo, negli anni ‘30. Arrivai subito dopo la guerra e mi trovai così bene da decidere di rimanere. La gente allora era accogliente, nel paese si respirava – grazie al clima di dopoguerra – una voglia straordinaria di fare, di ricostruire e anche io diedi il contributo. Oggi si direbbe che lo diedi da “straniero”, da “migrante”. Ma ero poi così straniero, cioè “estraneo” a questo paese? forse no, visto che sono ancora qui e considero questo paese come l’altra mia patria. Vedi anche questo post

30 Responses to Per i cattolici, votare per B, è peccato?

  1. enrico says:

    Penso che per un vero cattolico sia vergognoso votare Berlusconi.

  2. cattolicoebasta says:

    purtroppo molti, troppi cattolici lo sono solo formalmente, questi davanti a DIO avranno doppia responsabilità.

  3. Mauro OltreMe says:

    perche se sei gay è peccato (che ci nasci ed un “problema” legato agli emisferi) e non sei accettato. mentre se sei un pedofilo (o simil) che sei malato (non ci nasci) sei del gruppo!

  4. giovanni says:

    non capisco i cattolici come me che si piazzano a bordo della limosine di al capone per salvare i principi cristiani ,mi fanno una pena terribile!

  5. Maria says:

    la chiesa, insegna che non si lascia il figliol prodigo nel momento dello smarrimento.

  6. rudj says:

    Votare silvio e’ come votare il maligno…

  7. MICHELE says:

    Adamo è stato il primo uomo sulla terra e anche lui si dice che abbia sbagliato nei confronti del sesso. questo per dire che da quando esiste mondo esistono le trasgressioni in tutti i campi e luoghi a riguardo ci sono milioni di esempi.Questo per dire che mi sorprende tutto questo accanimento verso la vita privata di Berlusconi per quanto libertina essa sia e che anch’io non apprezzo, ma é pur sempre privata e io lo giudico per cosa fa nel campo che lui rappresenta e non per quello che fa a casa sua.Poi la storiella della minorenne è veramente strumentale perchè chi direbbe che Ruby sia minorenne per tre mesi, su via siamo seri, ed ecco quì perchè la gente continua a votarlo, perchè non crede e non gli interessa tutto questo mercato mediatico e anche L’accanito comportamento della magistratura è molto sospetto. Io non voto Berlusconi ma vivo in mezzo alla società per motivi professionali e ricreativi e sento tutti questi commenti che non approvano quanto sta succedendo nei confronti del Premier. Questo per spiegare il perchè i sondaggi continuino a premiarlo, se vogliamo capirlo bene senò continuiamo a chiudere occhi ed orecchi,offendere e perdere voti.

  8. gianni says:

    mio padre diceva sempre…..DEMOCRISTIANI FALSI!!!!!!

  9. fran says:

    abbiamo un clero vergognoso

  10. cattolica says:

    e quando votavano comunista i cattolici come giovanni mauro ect. non facevano peccato? ed i tanti cattocomunisti che parlavano a vanvera affondando la democrazia cristiana ai tempi del di pietro e compagnia
    senza alcuna prova e delle persone che per colpa sua sono morte suicide in carcere e non, lui non ha fanno peccato!lui ha LE MANI PULITE, per favore, trovo strano che i cattolici siano cosi giustizieri solo da una parte si una dire che l’invia porca non sia morta.

  11. Nino says:

    Io vorrei sottolineare la propaganda di Berlusconi sull’accaninimento della Procura di Milano. Se non vuole essere indagato ….. che si comporti come un normale cittadino e non trasgredisca la legge ogni momento. Ma lui si sente al di sopra della legge e pensa di potersi permettere tutto. Io non sono Berlusconi, ma un normale cittadino e come tale mi comporto e nessuno mai ha indagato sulla mia persona! Enon ci venga a raccontare la barzelletta della nipote di Mubarak.Come mai se ne è accorto dopo essersela portata a letto ? Se fossi Mubarak gli creerei veramente un incidente diplomatico per non essersi preso veramente cura di sua nipote ed averla sffidata ad una puttana !

  12. plaxon says:

    il figliol prodigo cambio’ vita !!!!

    ma il nano si nn solo nn cambia vita , ma si vanta del suo stile di vita e conferma ke mai lo cambiera’ .cara maria la cosa e’ molto diversa !!!!! e poi il nostro nano pensa solo ai suoi affari ! speriamo ke la chiesa sua concubina si svegli e faccia sentire il suo grido !!!!!!
    BERTONE !!! BAGNASCO !! VESCOVI USCITE ALLO SCOPERTO !!! E’ ORA DI DIRE LE COSE COME STANNO !!!

  13. Monica says:

    io spero solo che la smetta di presentarsi come portavalori dei cattolici (e.g. family day….proprio lui!!) calpestando i diritti di coloro che la vedono diversamente solo per avere in cambio dei voti. Ci vorrebbe una bella faccia di bronzo a patrocinare un altro family day, quando già a quel tempo tutti i suoi pargoletti erano conviventi con figli quando lo stesso diritto lo si voleva negare ai comuni mortali. …anche Casini del resto… viva la coerenza! facile imporre agli altri regole che non si seguono!

  14. marco says:

    @ maria…quanta pena mi fai…

  15. Gaioing says:

    I cattolici del PDL, a mio avviso, preferiscono comunque Berlusconi a tutti gli altri leaders del centro-sinistra, che, lui perdente, sarebbero vincenti.
    E’ una conseguenza del bi-polarismo.
    La caduta di Berlusconi comunque non è lontana.
    La decideranno i banchieri centrali.
    Mario Draghi sarebbe l’uomo giusto, ma ora potrebbe diventare capo della BCE.
    Se alla BCE nominano altri candidati, allora potrebbe
    venir buono.
    I banchieri centrali se ne fregano della morale.
    Berlusconi non piace ai banchieri centrali perché preferisce il debito al rigore.
    Il problema è che attualmente Berlusconi vincerebbe le elezioni.
    Il voto cattolico di Casini non vuole che l’UDC si allei con Bersani, DiPietro e Vendola.
    Poi B. ha recuperato il milione di voti (senza eletti) di La Destra che conta molti cattolici.
    Quindi, bisogna che i leaders del centro sinistra ammettano la loro debacle nella penetrazione del voto cattolico e vadano a casa.
    Con questa classe dirigente non vinceranno mai le elezioni.

  16. rita says:

    a Maria
    la parola di DIO ed in particolare la parabola del figliol prodigo non insegna a sostenere il figlio nella sua perdizione ma ad accoglierlo e perdonarlo perche si e’ pentito. Non mi pare sia il caso del presidente del consiglio che nelle sue affermazioni si sente a posto come i farisei. I cattolici proprio per questo e alla luce della parola di Dio non dovrebbero appoggiare e giustificare queste sue nefandezze

  17. federico tamburini says:

    A questo punto della conversazione di solito arriva uno che fa: “Nei paesi civili…” Bene eccomi, sono arrivato! “Christopher Lee, un deputato repubblicano di 46 anni eletto in un collegio di New York, si è dimesso ieri sera dalla sua carica dopo che il sito Gawker aveva pubblicato una sua foto a torso nudo che il deputato aveva mandato al sito di annunci personali Craigslist. Lee, che è sposato, si era descritto nel suo messaggio come divorziato e “tipo figo, divertente e in forma” di 39 anni: aveva risposto all’annuncio di una donna che su Craigslist si era lamentata che tutti gli uomini che le scrivevano erano dei rospi. Ne era nata una corrispondenza tra i due – che la donna ha poi passato a Gawker dopo aver identificato Lee – che lo stesso Gawker descrive così:
    Per gli standard di oggi, la conversazione è stata abbastanza banale: niente prostitute, escort o signorine. Solo il buon vecchio mentire e un’apparente intenzione di tradire la moglie.
    Ma è bastato perché poche ore dopo la pubblicazione della foto (che si era scattato da solo davanti allo specchio) Lee comunicasse le sue dimissioni da deputato e il suo “profondo dispiacere per il dolore che ho provocato alla mia famiglia, al mio staff e ai miei elettori”.
    «Le sfide che dobbiamo affrontare a New York e in tutto il paese sono troppo serie perché questo incidente prosegua, e quindi annuncio di essermi dimesso dalla mia carica al Congresso con effetto immediato»
    Lee aveva un curriculum piuttosto conservatore, e si era opposto per esempio a permettere ai gay dichiarati di entrare nell’esercito. Il governatore dello stato di New York Cuomo dovrà ora fissare nuove elezioni per il suo posto.” http://www.ilpost.it/2011/02/10/dimissioni-deputato-usa-craigslist/

  18. Vittorio says:

    ma se berlucono cade, chi mettiamo?? bersani? che sta a guardare come un ebete la tv? – va bene, sicuramente sarà un porco, rimane una persona con il vizio della prostituzione – e fin qui non ci piove – ma a voi sinistrini, non vi sembra un accanimento? il processo breve per un aver toccato 2 tette??
    ma quando si è mai visto?

  19. laura says:

    Sono cattolica, credo in Dio e per questo mi affianco ai Sacramenti; il Signore lascia liberi i Suoi figli di accoglierlo o di rifiutarlo, di allontanarci e di ritornare pentiti da Lui e come farebbe un padre terreno ci accetta sempre senza condannarci. Credo nella divina misericordia, nella possibilità ultima per l’uomo di ritornare a Dio: cosa sono le braccia aperte di Gesù sulla croce se non un perenne ed infinito abbraccio per l’umanità intera? Si condanna il peccato e non il peccatore; quindi non sta a me condannare Berlusconi, però quando Gesù perdonava diceva anche “và e non peccare più”. I cattolici devono prendere le distanze e condannare fermamente i comportamenti sbagliati del premier, sia nella vita pubblica che nella vita privata, poichè essendo un uomo posto a guidare e governare una nazione deve, e non “dovrebbe”, essere un uomo di specchiata virtù! Pensiamo a De Gasperi o a Giorgio La Pira. Stiamo vivendo una delle fasi più atrocemente nefaste, vergognose e indecenti della storia dell’Italia sul piano dei valori etici, politici ed economici che comprendono i costumi sessuali, la vita, l’uguaglianza sociale ed economica di ognuno di noi a prescindere dalla razza e dall’etnia.
    E’ necessario prendere le distanza anche da chi incarna il degrado, l’ingiustizia ed il voler persevare nei comportamenti che sono da condannare e soprattutto da chi non vuole accettare di fare chiarezza, una chiarezza ed una verità che ci sono dovute e sono quanto mai necessarie ed urgenti per il bene di tutti e specialmente per chi ha scelto Silvio Berlusconi. Ce ne sarebbe quanto basta per scendere in piazza e chiederne le dimissioni: io mi meraviglio che nessuno lo faccia e anzi mi domando cosa aspettiamo. Io sono pronta a scendere i piazza e per le strade ma ci vorrebbe una unità ed una mobilitazione nazionale: cosa impossibile perchè gli italiani, ed io mi vergogno di esserlo italiana sono come colui che hanno votato!

  20. Come Sasso says:

    Leggo e rimango stupita. Forse molti non conoscono la storia della chiesa cattolica (che vuol dire Universale), fatta di politica, intrighi, potere, prebende, ricchezza, manipolazioni e chi più ne ha più ne metta. Attenzione parlo di chiesa, nel senso di luogo di potere, non di fede o spiritualità. Per cui il potere abbraccia il potere e cerca di piegarlo ai suoi bisogni. La chiesa se ne frega che qualcuno si chiami Mussolini e faccia leggi razziste, fa accordi anche con il demonio (secondo la sua visione) se questo porta potere alla chiesa.Ci sarebbe molto da raccontare sulla chiesa vaticana, ma mi limito. Per cui, se la chiesa ritiene che questo potere assecondi i suoi piani, state certi, non muoverà un dito. Ma non è alla chiesa che bisogna guardare, ma a chi ha come base ha i valori cristiani e quelli, credetemi, non si voltano dall’altra parte.

  21. emiliano says:

    ma la domanda oggi è un altra…chi sono oggi i “veri cattolici”? esistono ancora o è solo un modo di definire una parte della società tipo i “comunisti”?
    Per essere un vero cattolico basta andare in chiesa come per un comunista basta essere anti-berlusconiano o ci dev’essere qualcosa di più?

  22. giuseppe corraducci says:

    Io sono cattolico. La Chiesa deve sempre dire la sua sulla societa’ e qdi anke sulla politica, ma lo stato deve essere laico. Se noi cattolici dovessimo usare come criterio di votazione, la condotta cattolica del politico per cui votare, ditemi voi chi si salverebbe? Nessuno.

  23. francesco says:

    Lasciate a Cesare quel che è di Cesare ed a Dio quel che è di Dio.

  24. enrico says:

    siamo tutti cattolici a semtire tutti voi e poi vi vergognate sulla morale di una persona ma guardatevi bene in faccia non ci sarebbero tanti divorzi se non per colpa delle tante volte di tradimento pero’ nessuno viene messo sul giornale

  25. giancarlo says:

    se per i cattolici vale la doppia moralità non è peccato

  26. GIUSEPPE says:

    TANTI SI CHIEDONO COME MAI IL CATTOLICESIMO E IN DECLINO,TANTI OSSERVANO CHE SONO IN CALO I MATRIMONI CON RITO CATTOLICO, TANTI SI DOVREBBERO CHIEDERE COME MAI IL VATICANO DIFENDE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO . AVVOLTE MI CHIEDO PERCHE’ MARTIN LUTERO DIEDE ORIGINE AL PROTESTANTESIMO . ORA HO CAPITO IL PERCHE’!COME ALLORA LA CHIESA VENDE LA COSIDETTA IMMUNITA’AL PECCATO E AL PERDONO DI DIO, UN VERO CATTOLICO SI DOVREBBE VERGOGNARE DI DIFENDERE UN SIGNORE COME SILVIO BERLUSCONI ,CHE RAPPRESENTA IL CONTRARIO DEI VALORI CATTOLICI.

  27. Saverio says:

    Semplice!
    Sono stati sufficienti 60 secondi dell’intro di Anno Zero di oggi, nel quale un tizio di Arcore, appena uscito da una chiesa la domenica mattina, affermava che tra un peccatore (berlusca) ed un politico che fa leggi “contrarie a Dio” (di sinistra…), lui sceglie sempre e comunque il comune peccatore! (cioè sempre e comunque silvio)…
    Detto questo, detto tutto.

  28. GIUSEPPE says:

    Da quando ero piccolo mi sono sorbito le prediche dei sacerdoti che mi hanno indirizzato ad avere una vita ligia onesta e sopratutto nel rispetto dei valori che il vangelo ci insegna.cresciendo ho imparato a valutare il valore della fede ed ho scelto il cattolicesimo ,percheì’ credo realmente a qui valori oggi che o 46 anni non posso accetare il comportamento di quei falsi cattolici che di giorno fanno i puritani e i moralisti per non dire esempi di vita e poi di nottetutti gli insegnamenti e i valori del cattolicesimo non esistono piu’ in fine chi giura sulla costituzione e poi non rispetta i vincoli di quel giuramento non puo’ svolgere il compito per cui e stato a chiamare a svolgere.in fine se quei cattolici dicono che che dicono che peccare non e peccato perche’ giudicare i sacerdoti ,usiamo lo stesso metro a questo punto .il signor berlusconi non e’ difendibile.

  29. Gaioing says:

    Su B. un ciclone luterano…
    se son rose fioriranno..
    e comunque è appeso all’amo !

  30. giovanni says:

    cattolica il 10 febbraio 2011 alle ore 13:38 ha scritto cara cattolica , io sono giovanni e non ho mai votato comunista , non occorre essere comunisti per essere intelligenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *