Un’idea dal Belgio: Dividere i nuovi bond in blu e rossi

By Everardo Dalla Borsa | Economia

Bond blu e rossiCome si diceva anche in un recente post, in questi giorni è fortemente a rischio la tenuta della moneta unica, l’euro, e di tutto il sistema Europa. Sembra che non sia servito a nulla il salvataggio dell’Irlanda dal default, e l’incertezza regna ancora sovrana.

Il risultato è che il panico si è rapidamente trasferito, come un virus, sui mercati degli altri paesi con conti economici da brivido, ovvero Portogallo, Spagna e Italia. E oltre ad abbattere le borse, a crollare sono anche i titoli di stato, ritenuti sempre più inaffidabili.

La conseguenza ulteriore è che per rifinanziare i loro debiti, questi stati si ritrovano tassi di interesse sempre più alti da pagare nelle nuove emissioni obbligazionarie. Per arginare questo meccanismo prima che arrivi ad intaccare tutte le nazioni del continente, comprese quelle più sane, dal Belgio è arrivata un’idea: dividere i nuovi bond in blu e rossi! Ovvero bond di serie A per chi ha un rapporto debito\prodotto interno lordo inferiore al 60%, e di serie B per chi sfora questo parametro!

Per saperne di più.

Like this Article? Share it!

About The Author

Everardo Dalla Borsa
Everardo Dalla Borsa è uno strano personaggio che come un supereroe è stato segnato da una esperienza singolare (come per Obelix la caduta da bambino nel pentolone della pozione magica). Everardo – giovane comunista, idealista e ambientalista con una passione per Salvador Allende – invece che nel pentolone è caduto nella fascinazione per le brillanti corrispondenze dalla borsa di Milano (anni’80) di Everardo Dalla Noce generandosi così uno strano personaggio capace di osservare i fenomeni della borsa con uno sguardo critico e disincantato.

One Response to Un’idea dal Belgio: Dividere i nuovi bond in blu e rossi

  1. Gaioing says:

    @Everardo

    Mi sembra che sia il primo passo per un euro a 2 velocità, con le tensioni trasferite, ovviamente, ai paesi di seconda fascia, tra cui noi.
    Prepariamoci al peggio con questo decalogo da contadino:
    1-non acquistare bot italiani
    2-tenere nel cc in banca meno possibile
    3-spendere meno possibile e abituarsi a uno stile di
    vita da formichina (vedi esempio in fondo)
    4-usare il contante e , se possibile, lo scambio
    diretto di beni e servizi
    5-non ascoltare alcun imbonitore tra i tanti che
    sguazzano in politica ,tipo chi infonde ottimismo
    e non informa i cittadini su come siamo messi
    6-informarsi su tutto il più possibile
    7-confrontarsi su tutto con più persone possibile
    8-non seguire il dibattito politico a livello di alta
    rappresentanza (camera e senato), tanto le decisioni
    che contano vengono prese altrove
    9-seguire la politica locale negli aspetti più
    essenziali
    10-votare solo a livello locale per persone preparate e
    per bene.

    Un esempio di stile di vita da formichina:
    -in inverno non scaldare gli ambienti oltre i 18 °C e
    di conseguenza abituarsi a un freddo moderato
    semplicemente vestendosi di più.
    Alla fine dell’anno sono tanti soldini in più per te
    e meno per i fornitori di energia che fanno vivere la
    politica.Poi ti tempri in maniera invidiabile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *