Terra del Fuoco 2

By Pereira | Viaggi

Puerto Madryn 09 08 09

Puerto Madryn.

1171 km, 21 ore di autobus, un ponte di 300 metri che divide per un breve tratto il Golfo Nuevo ed ecco che vedi danzar balene.

Quando arrivi a Puerto Madryn devi subito imparare una nuova linea guida… non fare e cercare nulla. Tu sei qui, non serve sapere altro.

Ho disdetto intanto la camera dell’hotel. Prenderò l’autobus notturno per Puerto San Julian, considerato la culla della storia patagonica. E’ qui che nel 1520 sbarcò Magellano, primo uomo bianco a mettere piede su questa terra.

Un uomo dai lineamenti indio, capelli neri raccolti, passa sotto l’insegna “parrilla argentina” . Forti raffiche di vento atlantico spazzano rua Marcos A. Zar ormai deserta.

Federico

Like this Article? Share it!

About The Author

Pereira
Della prima parte della mia vita, molti di voi già sapranno grazie ad Antonio Tabucchi, della seconda invece pochi sanno. Per carità, non che ci sia molto da dire ma visto che i ragazzi della redazione insistono... Venni qui dopo un lungo peregrinare da un paese all’altro, fuggendo da quel paese senza libertà che era diventato il mio paese, il Portogallo, negli anni ‘30. Arrivai subito dopo la guerra e mi trovai così bene da decidere di rimanere. La gente allora era accogliente, nel paese si respirava – grazie al clima di dopoguerra – una voglia straordinaria di fare, di ricostruire e anche io diedi il contributo. Oggi si direbbe che lo diedi da “straniero”, da “migrante”. Ma ero poi così straniero, cioè “estraneo” a questo paese? forse no, visto che sono ancora qui e considero questo paese come l’altra mia patria. Vedi anche questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *