Viaggio in Mongolia 5

By Pereira | Viaggi

Erdenet 2 gennaio 2009

Sukhbaatar Guidam divide in due una citta’ che non esiste. Erdenet, situata nel distretto autonomo di Orkhon, citta’ di miniera e minatori, inospitale, ostile, citta’ dei mille no. Si respira rame e molibdeno. Citta’ di ombre che si fondono con questa strada grigia e polverosa. Cammino curvo, ansimante, passi pesanti, suoni profondi. Il buio rende tutto vago e incerto, le realta’ si confondono, una preghiera assomiglia a un lamento. E le distanze? Immense. Esco solo per mangiare questa zuppa di montone e verdure; per il resto leggo pessimi libri sulla Mongolia.

Da qui e’ impossibile proseguire per Karakorum, l’antica capitale. Tornero’ a Ulaan-Baator (12 ore di autobus) e tra qualche giorno provero’ da li’.

Due persone sedute al tavolo vicino al mio si alzano e se ne vanno; dopo qualche istante entra un bambino, si siede allo stesso tavolo dei due e finisce le coca cole e il poco riso rimasto nel piatto.

La Mongolia e’ 175* (su 200 paesi) al mondo per reddito procapite.

Sukhbaatar Guidam.

FT

………………………….
Segue da:
Viaggio in Mongolia 4

Viaggio in Mongolia 3
Viaggio in Mongolia 2
Viaggio in Mongolia 1

Like this Article? Share it!

About The Author

Pereira
Della prima parte della mia vita, molti di voi già sapranno grazie ad Antonio Tabucchi, della seconda invece pochi sanno. Per carità, non che ci sia molto da dire ma visto che i ragazzi della redazione insistono... Venni qui dopo un lungo peregrinare da un paese all’altro, fuggendo da quel paese senza libertà che era diventato il mio paese, il Portogallo, negli anni ‘30. Arrivai subito dopo la guerra e mi trovai così bene da decidere di rimanere. La gente allora era accogliente, nel paese si respirava – grazie al clima di dopoguerra – una voglia straordinaria di fare, di ricostruire e anche io diedi il contributo. Oggi si direbbe che lo diedi da “straniero”, da “migrante”. Ma ero poi così straniero, cioè “estraneo” a questo paese? forse no, visto che sono ancora qui e considero questo paese come l’altra mia patria. Vedi anche questo post

7 Responses to Viaggio in Mongolia 5

  1. Mara Tamburino says:

    Per Federico: che strana combinazione avere quasi il tuo stesso nome e la stessa passione! io collaboro al sito http://www.mongolia.it, lo conosci?
    Mi piace come hai visto la Mongolia. Grazie.
    Mara Tamburino

  2. federico says:

    XMara: Ho conosciuto Mongolia.it in queste settimane ed anche il libro di Federico Pistone mi ha accompagnato durante il viaggio. Ero sul sito anche dieci minuti fa! Il dilemma e’: andare a Karakorum o rimanere questi ultimi 5 giorni a UB, dove ci sarebbe ancora tanto da fotografare!? ( sto facendo un lavoro fotografico sui paesi freddi )

  3. Ciao Fedo…leggo nuovamente con molto piacere ed emozione quello che scrivi…Sei riuscito ad arrivare a Karakorum??? Lo spero…Buon Anno…felice per te che abbia inizio con un viaggio…ho un amico che sta a Pechino da 6 anni e che parte spesso per la Mongolia perchè ne è innamorato: se non sei ancora riuscito ad arrivare a Karakorum, potrei chiedergli consiglio…
    Buona Vita.

  4. federico says:

    X Barbara: Grazie, di tutto. Alla fine sono rimasto a UB, qui c’e’ ancora tanto da fotografare e il fascino di UB ha vinto. Comincio ad essere anche un po’ stanco (fisicamente) Questi ultimi giorni li voglio prendere con calma!

  5. Gaioing says:

    X Federico
    mi potresti descrivere, brevemente, l’ambiente di Ulaan Bator?
    Fa un certo effetto scambiare esperienze così lontane in un radio-blog come questo!
    Pereira è unico non a caso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *